assenteismo

Investigatore privato Milano | Como
Reserv Investigazioni - INFEDELTÀ DIPENDENTI E SOCI - ASSENTEISMO

Investigatore privato Milano | Como – Reserv investigazioni, nella sezione dedicata alle investigazioni per l’accertamento dell’infedeltà di soci e dipendenti, assenteismo e uso scorretto dei permessi, annovera diverse attività tra cui:

I servizi investigativi di questa categoria prevedono accertamenti finalizzati a comprendere i comportamenti perpetrati a danno dell’impresa, come ad esempio l’assenteismo, e i relativi autori.

Tali controlli fungono da deterrente nei confronti degli illeciti contrattuali e come attività di contrasto per dipendenti o soci inaffidabili.

I casi d’infedeltà professionale causano veri e propri danni economici che gravano sull’asset aziendale.

Investigatore privato Milano | Como – Reserv Investigazioni garantisce una panoramica completa delle fonti di reddito del lavoratore dopo il licenziamento.

La locuzione latina “aliunde perceptum“, letteralmente “da altro luogo” o “altra persona percepito”, si riferisce ai redditi percepiti in data posteriore al licenziamento.

Si varca, nello specifico, l’ampia disposizione del licenziamento illegittimo.

Quanto emerso da questa specifica analisi, permette di ridurre o annullare la richiesta risarcitoria.

Infatti, l’ammontare del danno derivante dal licenziamento, viene decurtato dalla retribuzione percepita in un rapporto di lavoro successivo.

Tale servizio informativo permette all’azienda di recuperare o annullare un potenziale danno risarcitorio e minimizzare i danni subiti.

Reserv Investigazioni raccoglie le prove atte all’individuazione di situazioni d’assenteismo volontario o simulato.

Si parla di assenteismo in situazioni di sistematica assenza di un dipendente dal proprio posto di lavoro.

L’assenteismo involontario è causato da effettivi problemi di salute che impediscono al lavoratore di svolgere la propria attività.

Al contrario, se il dipendente sceglie di non recarsi al lavoro, senza che vi siano le condizioni per un’assenza, si parla di realtà simulata.

Tra le modalità più frequenti di assenteismo dal lavoro troviamo: l’uso sistematico di permessi per malattia, l’uso frequente dei permessi retribuiti o l’uso improprio dei permessi di altro genere.

Altresì, è considerato assenteista colui che si presenta frequentemente in ritardo e non rispetta l’orario di lavoro stabilito dal contratto.

Reserv Investigazioni effettua indagini mirate alla raccolta di prove atte a dimostrare l’assenza arbitraria del dipendente, l’eventuale doppio lavoro, l’utilizzo di permessi in maniera mendace, false timbrature del cartellino o tutto ciò che non può essere giustificato a livello contrattuale.

Investigatore privato Milano | Como – Reserv Investigazioni indaga su specifici casi di assenteismo riguardanti i permessi retribuiti dalla Legge-quadro per l’assistenza.

Il permesso determinato dalla L. 104/92, così come modificata L. 183/2010 e dal d.lgs. 119/2011, all’art. 33 disciplina le agevolazioni riconosciute ai lavoratori affetti da disabilità grave e ai familiari che li assistono.

L’uso improprio del permesso per l’assistenza, giustifica il licenziamento per giusta causa.

Difatti, compromettere il vincolo fiduciario tra datore e dipendente è sufficiente ad interrompere la prosecuzione del rapporto di lavoro.

Questi permessi spettano ai lavoratori dipendenti disabili in situazione di gravità ma anche al genitore, al coniuge, ai parenti o agli affini entro il secondo grado.

A seconda dell’ente previdenziale e di altre condizioni particolari varia la tipologia di agevolazione.

Le giornate di permesso, solitamente, sono 3 tre per ogni mese e possono essere frazionate in più ore.

Diverse sentenze della Cassazione hanno riconosciuto la validità legale di indagini condotte da investigatori privati, per la verifica della corretta fruizione dei permessi ex L. 104/1992.

Altresì, altra forma di assenteismo volontario è l’abuso dei permessi di malattia.

Nel diritto del lavoro si definisce “malattia” lo stato patologico che determina una condizione d’incapacità al lavoro.

Durante la malattia il lavoratore ha diritto al mantenimento del posto di lavoro, al versamento dei contributi e ad un’indennità.

Contemporaneamente, il soggetto, è tenuto a non compromettere in alcun modo la sua pronta guarigione ed essere reperibile nelle fasce orarie predisposte alle visite medico-fiscali.

Attraverso un’attività d’investigazione si può appurare se un dipendente stia abusando di tale diritto.

In caso di provata simulazione dello stato di malattia, lo stesso può essere licenziato per giusta causa.

Capita molto spesso che tramite la sola visita fiscale non si riesca a capire se vi sia una reale patologia né, tantomeno, l’entità di tale indisposizione. Sono svariati i casi giurisprudenziali di dipendenti che, in malattia, nonostante verifiche positive da parte del medico fiscale, siano stati sorpresi in altro: attività sportive, uscite in centri commerciali o di piacere.

Accertando l’inconsistenza dello stato patologico è possibile licenziare per giusta causa e con effetto immediato il dipendente.

La simulazione di malattia costituisce, infatti, una violazione dei doveri contrattuali tale da non permetterne la prosecuzione del rapporto di lavoro.

Reserv Investigazioni opera servizi utili a stabilire differenze inventariali e/o identificare sistemi fallaci in situazioni di ammanco.

Tali servizi trovano regolamentazione nell’art. 5 del decreto ministeriale 269/2010.

Le agenzie investigative sono, infatti, autorizzate alla raccolta d’informazioni utili ad individuare le cause degli ammanchi di merce e, nel caso di attività commerciali più estese, a scovare i reparti maggiormente colpiti da questi fenomeni.

Reserv Investigazioni, trovate le cause dell’inefficienza del sistema di sicurezza, provvederà a suggerire le opportune soluzioni di carattere investigativo e legale.

Problemi di questo genere sono all’ordine del giorno nel commercio e si tratta di un fenomeno in grande aumento: non è raro trovare clienti avidi o dipendenti disonesti.

Questi rischi, sul breve termine, potrebbero influire sulle entrate del singolo negozio, a lungo termine, potrebbero determinare perdite ingenti e significative per il mantenimento dell’attività stessa.

Sarebbe buona norma affidare a Reserv Investigazioni delle verifiche preventive dei sistemi di sicurezza e di videosorveglianza, richiedere un’analisi accurata dei rischi a cui l’azienda è esposta e tutelare l’intero patrimonio societario.

Reserv Investigazioni possiede le autorizzazioni per svolgere servizi atti alla prevenzione dei furti e al controllo dipendenti.

I furti vengono messi in atto non solo da persone esterne alla società ma sovente anche dai dipendenti.

Reserv Investigazioni analizza, con mirati sopralluoghi, le situazioni che interessano il problema e pianifica soluzioni ad hoc per ogni società.

Qualora sorga un dubbio riguardo il proprio personale è possibile organizzare dei controlli.

Gli artt. 4 e 38 dello Statuto dei diritti dei lavoratori sulla Privacy, regolamentano la possibilità di monitoraggio dell’attività lavorativa.

Non esiste violazione dei due articoli sopra citati qualora il controllo venga effettuato per tutelare l’integrità del patrimonio aziendale. In generale, infatti, la verifica per valutare il rendimento dei dipendenti, tramite videocamere occulte, è proibita senza accordo con i Sindacati e l’ispettorato del Lavoro.

Altri parametri vengono utilizzati per la tutela del patrimonio aziendale e la prevenzione di atti criminosi.

Reserv Investigazioni si rende disponibile ad una consulenza gratuita, in valutazione delle circostanze di ogni caso.

Investigatore privato Milano | Como – Reserv Investigazioni permette la raccolta di prove in merito alla violazione del patto di non concorrenza.

Tale accordo è una clausola contrattuale che può essere introdotta in un rapporto di lavoro. E’ disciplinato dagli articoli 1751 bis, 2125 e 2596 e limita la facoltà del prestatore di lavoro di svolgere attività in concorrenza con l’azienda.

Le condizioni di legittimità sono molteplici: deve essere redatto in forma scritta, di durata non superiore ai termini di legge, deve esplicitare limitazioni di natura geografica, temporale e in relazione all’oggetto, deve prevedere una maggiorazione della retribuzione durante il periodo di lavoro, proporzionale alla durata dell’obbligo di non concorrenza etc.

Esiste la possibilità di intervenire anche in assenza di tale clausola. Qualora il dipendente svolga attività preparatorie alla propria uscita, in palese violazione degli interessi societari, si dimostra un caso d’infedeltà professionale.

Per tali motivi è fondamentale che l’azienda sia dotata di un piano di “incident response”. Tale sistema permette la possibilità di attivarsi con le massime garanzie, nella raccolta di evidenze informatiche e informative.

Potrebbero interessarti anche attività investigative riguardanti:

Clicca sul BOTTA e RISPOSTA con il nostro investigatore privato per conoscere la risposta a tante domande sul mondo delle investigazioni!!

Investigatore privato Milano|Como - Reserv Investigazioni offre servizi investigativi su misura: comprendiamo le necessità del cliente e rispondiamo adeguatamente ad ogni tipo di esigenza.

Per chi desidera avvalersi di un investigatore privato serio e professionale, la soluzione migliore è Investigatore privato Milano|Como – Reserv Investigazioni.

Chiamaci o scrivici ai contatti qui sotto!

investigatore privato

Reserv investigazioni s.r.l.

P.Iva 09392740966

Prot. N° 12150/Area 1/P.A. rilasciata dalla Prefettura di Como

Rivolgiti con fiducia alla nostra rete di professionisti!

Seguici sui nostri social